bling bling blog

Bling Bling Blog

mercoledì, febbraio 27, 2008

Lettera aperta al Dr.Bruno Vespa su Blog, Internet e mass media

Abbiamo inviato questa lettera al Dott. Vespa, direttore di Porta a Porta.
Oggetto: Lettera aperta su Blog, Internet e mass media

Egregio Dott. Vespa,

Internet raggiunge nel mondo oltre un miliardo di utenti e in Italia circa 24 milioni di persone. Ogni giorno nascono circa 120.000 blog, per un totale di oltre 100 milioni di blog in tutto il mondo. Nel solo 2007, 44 milioni di persone si sono avvicinate con un ruolo partecipativo al più grande fenomeno sociale, culturale e democratico della storia recente,
In molti paesi autoritari i blogger difendono la libertà d'espressione e la democrazia sfidando la repressione e, talora, andando in prigione per questo. Nei paesi democratici i blogger estendono la libera circolazione delle idee, la comunicazione comunitaria e in definitiva la partecipazione alla vita sociale.
Il blog è diventato uno strumento di comunicazione di massa; piu' del 25% della popolazione del Canada e del 20% di quella del Regno Unito partecipano a "reti sociali" basate su Internet. In Italia si stimano oltre mezzo milione di blogger, in maggioranza non adolescenti ma giovani e adulti. Sono noti blogger anche alcuni esponenti politici italiani (ricordiamo tra i vari l'on. Gentiloni, l'on. Di Pietro, l'on. Letta, l'on Pecoraro Scanio, l'on Lanzillotta, l'on Storace, l'on. Santachè, ...), inclusi candidati premier alle prossime elezioni, e ben un terzo dei parlamentari britannici (incluso il primo ministro).
Ci sembra che demonizzare i blog e il social networking, che sono fondamentalmente espressione di libertà, di democrazia e di socializzazione, sia negativo e antistorico. Ancora peggio è criminalizzare i blog - come cercano talora di fare i paesi autoritari per giustificare le loro censure - solo perchè alcuni - giovani o no - lo usano male. Ci sembra che la trasmissione da lei curata del 21 febbraio 2008, peraltro dedicata ad un altro tema, abbia purtroppo (crediamo involontariamente) generato un sospetto generalizzato verso i blog e il social networking, se non addirittura verso la comunicazione via Internet.
Sarebbe, a nostro parere, un errore grave analogo a quello di alcuni intellettuali aristocratici che, tanto tempo fa, condannavano in blocco la televisione perchè ... fa male ai bambini e toglie anche del tempo prezioso agli adulti per leggere libri e giornali...Internet, il social networking e i blog non sono solamente un fenomeno sociale, culturale e politico di enorme importanza.
Sono anche diventati i servizi trainanti di un settore economico centrale e strategico per lo sviluppo economico delle economie avanzate: le telecomunicazioni. Le telecomunicazioni sono infatti da un lato un settore a sè stante - che di per sè porta ricchezza e occupazione qualificata e genera fenomeni finanziari economici di prima grandezza - e dall'altro sono un fattore propulsivo decisivo per l'economia nel suo complesso, e in particolare per la diffusione dell'innovazione presso le aziende e le famiglie.
La Commissaria UE Viviane Reding ha piu' volte ricordato che ben il 50% della crescita del PIL europeo e' legata allo sviluppo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT), di cui Internet costituisce la spina dorsale. Anche il recente rapporto Attalì per lo sviluppo economico della Francia è pervaso da iniziative di impulso alle tecnologie della informazione e telecomunicazione.
In Italia purtroppo l'economia cresce meno dei nostri omologhi europei anche perché le telecomunicazioni sono nelle posizioni di coda nelle graduatorie internazionali, come del resto lo è la televisione digitale (terrestre, via Internet e via satellite). La scarsa diffusione della banda larga è forse l'indice più significativo della nostra arretratezza nel settore decisivo delle tlc.
Secondo i recentissimi dati diffusi dall'organizzazione degli operatori TLC europei ECTA, il quadro italiano relativo alla banda larga è il seguente:
1. Diffusione della banda larga: L’Italia (16,5) si sta allontanando dalla media UE (19,8) ed è sempre più distante dai paesi comparabili come Francia, UK, Germania. Siamo lontanissimi, ovviamente, dai paesi nordici. Nell’Europa dei 15 siamo superati anche dall’Irlanda, e seguiti da vicino dal Portogallo. In sostanza, la banda larga in Italia è meno diffusa che in altri paesi, a prescindere da circostanze di omogeneità industriale e sociale.
2. Crescita della banda larga nel periodo settembre 2006-settembre 2007 : In Italia vi è stata una crescita del 3%, bassissima se paragonata con altri paesi comparabili, dove la crescita si attesta tra il 5% ed il 10%.
I dati italiani sono gravi non solo perché riflettono una situazione peggiore di altri paesi, ma anche perché indicano la difficoltà del Paese nel recuperare il gap. Anzi, la distanza con il resto d’Europea si va accentuando.
Una corretta comunicazione sui mezzi di informazione di massa riguardo le tecnologie ICT potrebbe contribuire in modo importante ad avvicinare sempre più persone alle telecomunicazioni, ad Internet e all'informatica con ricadute positive per l'intero sistema.Vorremmo sottolineare che Internet è oggi il principale sistema di comunicazione mondiale assieme alla rete telefonica fissa e cellulare, e rispetto a queste ultime è molto più esteso nelle funzionalità. Come la rete telefonica, Internet viene impiegato per comunicazioni lecite come per quelle illecite. La differenza è che le comunicazioni e le funzionalità di Internet sono nella grande maggioranza dei casi pubbliche e rendono così visibili anche gli usi banali, deviati o addirittura illegali e criminali che purtroppo, proprio per la loro maggiore visibilità in rete, vengono additati come peculiari solo di Internet.
Mai nessuno però, giustamente, ha pensato di criminalizzare in maniera generica la rete telefonica, pur essendo noto, antico, esteso e grave l'uso illecito e criminoso delle reti fisse e mobili, come è testimoniato dalle intercettazioni telefoniche rese pubbliche in diverse occasioni.
Discutere pubblicamente dei problemi sociali che Internet inevitabilmente riflette e, fortunatamente, spesso svela al pubblico, è importante ma va fatto mettendo nella giusta relazione gli effetti e le loro cause ed evitando considerazioni semplicistiche e condanne aprioristiche del mezzo.

Secondo noi è importante che non si criminalizzi la rete e che anzi se ne promuova l'uso e la diffusione estesa. La criminalizzazione di Internet tende a confondere gli effetti con le cause e non permette di affrontare adeguatamente i problemi negativi - sociali o criminali - che tutti desideriamo combattere.
Una disinformazione su Internet non ne rallenterà la diffusione presso il pubblico competente ma ne frenerà l'adozione e la conoscenza proprio nel pubblico più bisognoso di informazione, spostando in là nel tempo l'occasione di far crescere questo Paese.
Viceversa, una corretta e approfondita informazione può contribuire decisivamente a massimizzare i benefici di Internet e a ridurre invece gli effetti negativi dei nuovi sistemi di comunicazione.Fiduciosi che in futuro vorrà considerare anche i benefici di Internet e delle telecomunicazioni e non solo i problemi sociali, anche gravi, che essa rivela, le manifestiamo fin d'ora la nostra disponibiiltà a partecipare a un confronto su questi temi che a nostro parere sarebbe importante trattare in maniera approfondita e positiva in una delle prossime trasmissioni che a nostro parere sarebbe opportuno programmare e alla quale, se lei desidera, siamo pronti a dare il nostro contributo di esperienza e competenza.

Restiamo a sua disposizione per ogni eventuale chiarimento e approfondimento e nel frattempo Le porgiamo i nostri più cordiali saluti.

Marco Camisani Calzolari, Blogger, Imprenditore, Chairman Speakage
Gildo Campesato, Giornalista, Direttore del Corriere delle Comunicazioni
Mario Citelli, Blogger, Imprenditore, Direttore Beltel - Mensile di attualità per l'industria ICT
Lele Dainesi, Blogger, Giornalista, Executive Communication Cisco Systems Italy,
Luca De Biase, Blogger, Giornalista, Caporedattore Nova24 - Settimanale di innovazione de Il Sole 24 ore
Juan Carlos De Martin, Blogger, Docente Politecnico di Torino - Responsabile italiano Creative Commons
Michele Ficara, Blogger, Imprenditore, Presidente Assodigitale - Associazione Italiana Industria Digitale
Paolo Forcellini, Imprenditore, Segretario Generale Consulta Digitale Assocomunicazione - Confindustria
Alfonso Fuggetta, Blogger, Docente Politecnico di Milano
Enrico Gasperini, Blogger, Imprenditore, Presidente Audiweb - Joint Industry Committee per la rilevazione delle audience online
Enrico Grazzini, Blogger, Analista, Collaboratore Corriere Economia - Settimanale Economico Corriere della Sera,
Marco Montemagno, Imprenditore, Conduttore Reporter Diffuso - Sky TG24
Layla Pavone, Blogger, Dirigente, Presidente IAB - Interactive Advertising Bureau
Marco Palombi, Blogger, Imprenditore, Fondatore 1st Generation Network - Associazione imprenditori di prima generazione
Stefano Quintarelli, Blogger, Imprenditore, Past president AIIP - Associazione Italiana Internet Provider
Francesco Sacco, Blogger, Docente e Managing Director EntER - Centro studi per l'imprenditorialità - Università Bocconi
Francesco Siliato, Blogger, Docente Economia dei Media - Politecnico di Milano,
Gigi Tagliapietra, Blogger, Imprenditore, Presidente Clusit - Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica
Guido Tripaldi, Blogger, Imprenditore, Presidente Voipex - Consorzio per l'interoperabilità dei servizi Internet

31 commenti:

Roberto ha detto...

Un po' prolisso...ma il quadro che avete delineato non potrebbe essere più chiaro e completo.
Peraltro tutte le analisi esposte non fanno la minima grinza.
Bravi! Come si dice, “quanno ce vò, ce vò”.
La verità è che Internet fa paura per 2 motivi: primo, i media tradizionali hanno una fifa matta di perdere quote di audience e di adv, tv in primis; secondo, è uno strumento di informazione, espressione ed aggregazione potentissimo, e questo a qualcuno da fastidio.
L'unica cosa che mi sento di aggiungere è che le statistiche Nielsen Online di gennaio hanno evidenziato (occasionali compresi) ben 6,2 mln di utenti unici solo x la piattaforma Blogger(!!)
Aspettando il WiMax.....
Ciao Layla

Anonimo ha detto...

gradirei vivamente poter leggere le vostre pagine senza "affaticarni più del necessario"" conoscete per caso che cosa è "ACCESSIBILITA" ?
Dove trovare idee su ACCESSIBILITA

http://accessibile.diodati.org/agc/index.html

http://www.diodati.org/
è necessario , offrire al lettore la possibilità di modificare i caratteri asseconda delle proprie esigenze (difficoltà) non credete!?!? anche questo "template" lo valuto utile per delle formiche ,faccio fatica a capire per che cosa possa servire un monitor 15" erelegarsi a utilizzarne 5 o al masimo 6. anche questo frena l'uso da parte di una grande fascia di potenziali utilizzatori (non siete di questo avviso?) cordialmente renzo

Anonimo ha detto...

gradirei vivamente poter leggere le vostre pagine senza "affaticarni più del necessario"" conoscete per caso che cosa è "ACCESSIBILITA" ?
Dove trovare idee su ACCESSIBILITA

http://accessibile.diodati.org/agc/index.html

http://www.diodati.org/
è necessario , offrire al lettore la possibilità di modificare i caratteri asseconda delle proprie esigenze (difficoltà) non credete!?!? anche questo "template" lo valuto utile per delle formiche ,faccio fatica a capire per che cosa possa servire un monitor 15" erelegarsi a utilizzarne 5 o al masimo 6. anche questo frena l'uso da parte di una grande fascia di potenziali utilizzatori (non siete di questo avviso?) cordialmente renzo

Roberto ha detto...

Da un qualsiasi browser, banalmente: "Visualizza>Dimensioni testo", "asseconda" delle dimensioni del monitor. Un buon inizio è quello di utilizzare "al masimo" gli strumenti che si hanno a disposizione. Accessibilità significa anche un corretto utilizzo della lingua per farsi comprendere meglio.
Fatico inoltre a capire il nesso con l'argomento del post, peraltro di una certa rilevanza.
Porta pazienza, Layla....

Cartapazio Bortollotti ha detto...

Preg.ma Layla Pavone, ho letto la sua splendida lettera e mi sono permesso di pubblicarla sul blog ove scrivo.Complimenti, una lettera veramente tanto preziosa, che deve essere conosciuta anche dai miei lettori.Buona Domenica!

layla pavone ha detto...

Grazie Roberto che sostieni sempre il mio blog. D'altro canto la Rete e' libera espressione e fintanto che non si violi la liberta' altrui e che non si oltrepassi la soglia della buona educazione va tutto bene...

layla pavone ha detto...

Grazie Cartapazio, la lettera sta riscuotendo molto interesse e ne siamo felici. Vediamo se Vespa cogliera' il nostro appello invitandoci ad una trasmissione ad hoc. Nel frattempo siamo anche in home page sul sito di Beppe Grillo.

cartapaziobortollotti@email.it ha detto...

Preg.ma Layla, se la Rete si muove, non si può mai sapere cosa possa succede.Può darsi che qualcuno si svegli e cominci a considerare a modo, la realtà della Rete.Le invio un dono al link come ai bei tempi quando ci raccontavano le fiabe.Salutissimi Cartapazio da Genova

Andrea De Togni ha detto...

Salve Layla, la conosco perché lavoro nel settore e sono stato allo IABForum 2006 e 2007. Complimenti per aver sottoscrtitto questa lettera...purtroppo Vespa...non riesco a definirlo senza scendere nell'offensivo, ma quando uno lascia dire alla "fantomatica" esperta di internet che "...[i giovani] si fanno il blog e dopo arrivano ad una esposizione di sè provocatoria..." parlando di prostituzione, senza un contenzioso degno di questo nome...lasciamo perdere..la mia fidanzata è una psicologa psicanalista, quindi massimo rispetto per la categoria, ma ho l'impressione che la Graziottin abbia una visione un po' tanto distorta dell'universo internet...
Purtroppo, tornando a Vespa, è talmente asservito che dubito fortemente che ascolterà la voce di VERI esperti di Internet come voi...in bocca al lupo comunque. :-)

Andrea De Togni ha detto...

Ah, aggiungo che la mia ragazza, psicologa psicanalista, è una blogger. Forse è il caso che torni in analisi a farsi curare le sua "sessualità di rischio, perversione, prostituzione e autodistruttività" che dite?
E io dovrei pagare lo stipendio a Vespa col canone?

Alessandro Ghioldi ha detto...

Grazie Sig.Pavone, la sua lettera è stata d'ispirazione per me. Mi sono permesso di copiarla integralmente all'interno del mio blog citando/linkando ovviamente la fonte.
Sono un blogger, sono un utene del web 2.0, sono il fondatore di una grande comunità virtule (oggi si direbbe SocialNetwork) ho voluto condividere con tutti gli iscritti il suo bellissimo pensiero.
Cordialmene, Alessandro

Marco Ciaccia ha detto...

Cara Laila,
aggiungo la mia voce. http://comunicazioneita.wordpress.com
L'episodio mi fa pensare ad una buona famiglia borghese che si trova a tavola e discute del figlioletto che ha un diario segreto... chissà cosa ci sarà sotto... "Perciò: legiferiamo!"
Marco

Cartapazio Bortollotti ha detto...

Layla, buona Domenica, sono Cartapazio Bortollotti, legga al link...Una puntata in più sull'argomento Web.
Sta accadendo sul ForumRai di Report.
Saluti e alla prossima Cartapazio.

http://reset.netsons.org/modules/news/article.php?storyid=1687

Marco Dianti ha detto...

stupenda lettera, che difende noi poveri blogger "non deviati"!

Marco Dianti ha detto...

ah, il commmento sull'ACCESSIBILITA' l'ha scritta uno spammer, un bot che ha tradotto parola per parola dall'inglese con divertenti risultati.

Scusate questa ve la devo raccontare:
un bot simile una volta mi ha scritto al mio indirizzo email: "...e non perdere tempo, ragazze cornee ti aspettano!"
Lo spammer in questione aveva tradotto HORNY GIRLS con RAGAZZE CORNEE, visto che horn vuon dire corno ma horny eccitate!
scusate la caduta di stile ciao!

Andrea G ha detto...

Ciao a tutti mi chiamo Andrea, sono un blogger no profit capitato per caso su questa lettere aperta. Non sapevo della trasmissione di Vespa perché sono uno di quelli che criminalizza la TV (ma non sono aristocratico, assolutamente!!!) e cerca di guardarla il meno possibile.... volevo sapere cosa pensate di questo post http://andreaonresiduals.blogspot.com/2008/11/la-morte-del-blog-e-la-sindrome-da.html

un saluto a tutti i blogger di buona volontà :-)

Anonimo ha detto...

www.asia006.com

Anonimo ha detto...

molto intiresno, grazie

Anonimo ha detto...

molto intiresno, grazie

Anonimo ha detto...

imparato molto

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny

Anonimo ha detto...

La ringrazio per Blog intiresny

Anonimo ha detto...

Perche non:)

Anonimo ha detto...

good start

Anonimo ha detto...

good start

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie

Anonimo ha detto...

mm... thanks for

Anonimo ha detto...

порно ролики смотреть скачать бесплатно
задорожная порно
animal porno video
девки сосут хуй
бесплатное видео старушек
повернись попкой
бесплатный секс картирки
порно фото 16 лет
эротика бикини
секс врачи

get rid of genital warts ha detto...

I'm not an expert about this matter, nonetheless once studying your blog put up, my understanding has improved extensively. Please enable me to getting your rss feed to be in contact with any future updates. Good work and can cross by to my buddies in addition to my website online audience.